Serie A

Denia Cogo, niente sconti al Noci: “In campo per un solo risultato”

“Titolo: obbligatorio vincere”. Neanche il tempo di rispondere al telefono, che Denia Cogo mette subito in chiaro le intenzioni del suo Real Grisignano dettando l’apertura dell’articolo che la riguarderà. I portieri sono fatti così: arrivano in spaccata e non ti danno mica il tempo di pensare. È nel loro DNA salvare la squadra con decisioni istintive, così copio e incollo. L’incipit, quindi, c’è. Ma veniamo al dunque.
“Non ti nascondo che c’è un po’ di ansia. Primolan si allena a casa sua da due settimane e lì fuori c’è timore: sinceramente facciamo fatica a mettere a fuoco la gravità della situazione e questo inevitabilmente distrae, resta il fatto, però, che col Noci sarà fondamentale per noi. Senza girarci troppo intorno, bisogna fare punti”.
Ancora nessuna vittoria registrata in un PalaGrisi che domenica resterà a porte chiuse, così come deciso dall’ordinanza della LND.
“E’ la prima volta che mi capita e sarà sicuramente brutto non vedere nessuno sugli spalti, ma sono sicura che i nostri tifosi ci guarderanno lo stesso in diretta streaming. Se tutto finirà come speriamo, andranno benissimo anche applausi ricevuti da lontano – sorride. – La squadra deve ancora adattarsi all’arrivo di mister Volpato, ma siamo versatili e ci assesteremo in fretta. Chiedo solo la massima responsabilità da parte di ognuna delle mie compagne, perché ora arrivano le gare più importanti e dobbiamo portarle a casa”.

Spetta proprio a Cogo dare la scossa dopo l’opaca prova offerta a Cagliari.
“Un passo indietro rispetto alle due partite col Montesilvano e ci prendiamo tutte le colpe. L’alzataccia non è attenuante, non siamo le prime e non saremo le ultime a partire all’alba. È stata più una questione di scarso impegno da resettare immediatamente, ci siamo lasciate trascinare invece di reagire quando si poteva farlo. Mi è dispiaciuto molto, poi, non riuscire a segnare neanche un gol nonostante le occasioni avute: questo col Noci non può succedere, non abbiamo più margine di errore”.
Oltre alla gara con le pugliesi, anche Lazio e Pelletterie per cercare di cambiare rotta.
“A buone prestazioni corrisponderanno buoni risultati, ma bisognerà essere più squadra che mai perché credo davvero che l’unione faccia la forza”.
Un po’ come succede tra Cogo e Famà, che insieme chiudono a doppia mandata la porta del Grisignano.
“Le consiglio di non pensare di esser più forte solo perché ha qualche anno in meno – ride la giocatrice. – Scherzi a parte, lavoro tanto con lei per cercare di mantenere sempre alta la sua attenzione e le sarò vicina in queste partite fondamentali: il ruolo del portiere impone grandi responsabilità, ma lei ha spalle larghe e saprà rispondere alla grande”.

 

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top