Futsal

Città di Falconara, riecco Alves: «Pronta ad aiutare le mie compagne»

Le marchigiane riabbracciano la giocatrice portoghese al rientro da un infortunio alla coscia: «Non vedo l’ora di tornare in campo. Breganze gara difficile, ma dobbiamo credere in noi stesse. Siamo una squadra giovane, ma con tante potenzialità».

Ventitre ottobre, Pescara-Città di Falconara. Tra le marchigiane, Ana Alves si ferma. Strappo alla coscia, infortunio importante che la costringerà a guardare le sue compagne dalla tribuna senza poterle concretamente aiutare in campo. Fra quattro giorni, però, il tutto sarà solo un ricordo. Alves tornerà sul rettangolo di gioco, in un confronto niente male contro il Breganze. Un tassello ritrovato per il Città di Falconara, che aiuta a pensare un po’ più in positivo. Il coefficiente di difficoltà di domenica è alto, il livello degli avversari è generalmente noto agli addetti ai lavori e al mister marchigiano Francesco Battistini. Ma per il CDF la notizia del rientro di Alves è un gradino di positività in più da poter salire. Perché in gare come queste più liberta di scelta hai, meglio è. La classifica del girone A è divisa in due tronconi: Ternana, Breganze, Sinnai, Kick Off su un gradino, Pescara, Falconara, Futsal Cagliari e Thienese a seguire nel formare il troncone delle “comuni mortali”. Anche se il mercato invernale già entrato nel vivo potrebbe cambiare questa o quella gerarchia. Certo è che Ana Alves e il Città di Falconara troveranno un Breganze, forte anche del fattore campo, notevolmente arrabbiato per il passo falso nel derby con la Thienese. Variabile che il CDF deve obbligatoriamente tenere in considerazione. Lo sa anche Ana Alves, pronta a mettersi definitivamente alle spalle quel fastidioso strappo alla coscia. E chissà che il rientro non sia condito dalla ciliegina di un gol, che l’ex Lazio sa già a chi dedicare.  In questi giorni si è parlato anche del suo futuro, ma ora l’unica cosa che importa realmente per la portoghese è che a parlare sia il campo.

Ana, il tuo rientro è ormai alle porte. Le tue sensazioni?

«Dopo tutto questo periodo di riposo forzato ho cominciato ad allenarmi con la squadra e sono molto contenta. Le sensazioni sono buone e non vedo l’ora di giocare».

Durante un infortunio, la sensazione di sapere di non poter essere utile alla squadra è l’aspetto che più fa male?

«Si, stare fuori è sempre difficile. Purtroppo gli infortuni fanno parte del gioco. Ho lavorato tanto per tornare il prima possibile per aiutare la squadra».

Il Falconara quindi è pronto a riabbracciarti. C’è una sfida difficile, il Breganze. Che partita dobbiamo aspettarci?

«Una partita difficile dove siamo consapevoli che troveremo di fronte una squadra compatta, con tante certezze, vista l’ottima prima parte del campionato. Ci stiamo preparando al meglio per metterle in difficoltà. Da qui in avanti cercheremo di fare punti ad ogni partita».

Vedendo la classifica, quali sensazioni avete?

«Crediamo ancora di potere aggiungere i nostri obiettivi, perciò lavoriamo ogni giorno per far sì che questo accada».

Si è parlato un po’ di te in questi giorni. Vuoi dire qualcosa in merito?

«Penso soltanto al mio rientro. Voglio lavorare per stare bene ed aiutare la mia squadra. Al resto non ci penso io, il mio pensiero adesso è tornare a scendere in campo al 100%».

A chi dedicherai il tuo prossimo gol?

«Il mio prossimo gol lo dedicherò a tutti quelli che mi sono stati sempre vicino in tutto questo periodo di stop, quelli che mi hanno dato sempre la forza di non mollare mai».

Dove deve migliorare il tuo Falconara?

«Noi dobbiamo lavorare tanto, sotto tutti i punti di vista. Però la cosa più importante sulla quale dobbiamo lavorare è la nostra fiducia. Credere che tutto è possibile e che ce la facciamo. Siamo una squadra giovane, però con molto potenziale».

 

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top