Storie

Lettera a una giovane Susanna

Nicoletti

Cara Susanna,

la tua gioventù è il nostro periodo della sfrontatezza, del “so già tutto io, non ho bisogno dei vostri consigli”, siamo delle teste dure e invecchiando non miglioreremo, chiedi in giro se non mi credi. Quello che leggerai in queste righe lo avrai sentito ripetere mille volte e spesso eravamo annoiate mentre le ascoltavamo quelle parole. Ho pensato però che da una te stessa, con qualche anno in più quelle stesse parole le avresti ascoltate almeno un po’.
Hai un lungo percorso davanti e io ti parlo dall’altra estremità di questo viaggio. Vuoi realizzare il “sogno nel borsone” e io sono qui a raccontarti di quel pezzo di strada che non hai ancora percorso.
Il Salento, il nostro piccolo paesino. Dura giocare a pallone con i maschi, vero? Sono passati trent’anni per me e ancora ricordo quella lotta quotidiana contro pregiudizi, derisioni e insulti, che ora rivolgono a te. Non abbiamo mollato come tante ragazze con il nostro stesso sogno che hanno preferito praticare sport da “femmine”.
Mi chiedo sempre se ho fatto bene a non mollare, ma noi non l’abbiamo fatto, pensi sia la cosa giusta da fare? Come si fa a lasciare qualcosa che ti piace per colpa degli altri?  Ci siamo innamorate dal primo giorno, abbiamo visto quel pallone e sapevamo già che sarebbe stata una lunga storia d’amore.
Se ti stai chiedendo: “allora quando arrivano questi consigli” prima degli “avvertimenti da nonna”? Vorrei che tu rispondessi nel tuo cuore a queste domande, anche se alcune ti sembreranno stupide e che poi tu trasferissi queste risposte tra i ricordi per non separartene più.

10

Sei felice quando giochi a Futsal?
Quando sei in campo e ti guardi intorno, riesci a capire quanto sei fortunata a poter inseguire il tuo sogno?
Hai mai provato quel formicolio allo stomaco prima delle partite?

Non abbiamo cambiato sport perché siamo felici quando giochiamo, perché ci sentiamo fortunate a poter inseguire un sogno e perché quel formicolio allo stomaco è ancora qui, prima di ogni partita anche se ora ne ho tante alle spalle, forse più di quelle che ho davanti.
Sembra facile da dire, anzi da scrivere, che questa cosa della passione ti aiuterà a superare tutto, ma quel sentimento brucia forte dentro di te come fa ora dentro di me.
A quattordici anni farai 300 chilometri al giorno, quattro – cinque volte a settimana per allenarti.
Troverai un lavoro, perché per noi vivere di solo futsal non è possibile, lotterai per conciliare orari di lavoro e impegni sportivi.
Ti alzerai alle sei del mattino per andare in palestra.
Sarà un percorso pieno di insidie e di momenti di sconforto. Ci saranno quei giorni in cui preferiresti bere un aperitivo con i tuoi amici, giorni in cui sei talmente stanca che rimpiangerai di non esserti innamorata delle bocce. Ci saranno le sconfitte che non ti faranno dormire per giorni, insomma ci saranno tanti motivi per mollare.
E’ proprio questo il momento che fa la differenza nella carriera di uno sportivo, perché ci sarà chi mollerà aggrappandosi a tanti alibi e chi come noi non lo farà mai. Non perché siamo particolarmente speciali ma perché siamo particolarmente innamorate, di questo sport.
Una cosa che mi sento di poterti assicurare è che quando arriveranno le vittorie, quando ti rialzerai, dopo una brutta caduta, apprezzerai ancor di più il momento, perché potrai guardare indietro e saprai in quel momento che ne è valsa la pena, che quei sacrifici avevano un senso.

nicoletti

In carriera incontrerai persone negative e invidiose che saranno felici delle tue sconfitte, ma troverai tante persone speciali con le quali condividerai i sogni, le gioie, le paure, le imprecazioni durante la preparazione, birre e segreti. Troverai persone, pochissime, che ci saranno anche nei momenti difficili, anche quando non si parlerà più di te.

Abbiamo già chiari i nostri obiettivi, non ti nascondo che molti ti prendono in giro, per loro siamo delle sognatrici senza speranze.
Da questa parte del nostro percorso, dopo tanti anni posso dirti che in un certo senso avevano ragione.
In effetti sono riuscita a realizzare più di quanto abbia sognato, senza essere un fenomeno.
Anche se qualcuno ci definirà così, ti posso garantire che non lo siamo. Siamo una ragazza con un discreto talento, abbiamo CREDUTO tanto, forse più di altri con più talento, nei nostri sogni. Così tanto da non guardare in faccia niente e nessuno e abbiamo LAVORATO duro senza mai lamentarci.
Avremo il privilegio di giocare in Nazionale, realizzando anche il sogno di nostro padre che nel 1994 ci regala la maglia azzurra dicendoci: “Chissà se un giorno ti vedremo in Nazionale”.
Ecco Papà, sono in Nazionale e quella al braccio è la fascia da capitano.

Avrai la fortuna di vincere tutto e tanto, perché troveremo sulla nostra strada quelle persone speciali di cui ti parlavo prima.
Devi sapere che in qualsiasi sport di squadra è fondamentale trovare persone che abbiano il tuo stesso obiettivo e, cosa ancora più importante, capire che il bene collettivo è la priorità. Non esiste nessun “Io”, ma solo “Noi”.
Insomma realizzerai il sogno di tante ragazze, ma devi capire che niente è caduto dal cielo, niente di tutto questo si sarebbe realizzato se non avessi capito l’importanza dell’UMILTA’, del SACRIFICIO e del RISPETTO.

Niente di tutto questo si sarebbe realizzato se non avessi avuto la PAZIENZA di aspettare il mio momento, di ASCOLTARE gli insegnamenti dei vari talenti che mi hanno circondato.
Ancora oggi non smetto di IMPARARE.

Ti stai annoiando, lo so, tu sei me. Credo di aver scritto le cose più importanti, di aver colto i punti fondamentali.
Quasi dimenticavo, stai crescendo nell’epoca dei social, dell’apparire a tutti i costi, del dover condividere qualsiasi cosa.
Non DISTRARTI, può sembrare esagerato, ma vedo tante persone perdersi in chiacchiere inutili invece di concentrarsi sui propri obiettivi. A noi non deve accadere, non può.
Ci vediamo all’altra estremità di questo viaggio, per abbracciarci forte.

Susy Nicoletti

Susy Nicoletti

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top