Serie B

Infinity, Marta Bertoldo: “Stagione conclusa con un po’ di rammarico, ma il gruppo è speciale”

Mezza stagione da capitano, da dicembre fino ad aprile. In pratica i mesi del massimo splendore dell’Infinity Futsal Academy. Marta Bertoldo ha indossato con orgoglio quella fascia consegnata in un momento di difficoltà. Mai un onere, ma un onore. Anche se un pizzico di rammarico c’è.
“Guardo la classifica e partono imprecazioni di vario genere – sorride amara – perché so che saremmo state da zona alta. Possiamo definirla una stagione al di sotto delle aspettative, con tanto potenziale che non siamo però riusciti ad applicare. Un po’ come si diceva a scuola.  Eppure, la voglia di farlo non ci è mai mancata. Non so quale sia la ragione di quel che è accaduto, probabilmente si è trattato di una serie di circostanze”.

Ma ciò non toglie che ci sia tanto da conservare, anche in vista della prossima stagione.
“A livello personale, essere diventata capitano è stato un punto di svolta perché mi ha dato maggiore consapevolezza. E a livello collettivo credo si sia formato un bellissimo gruppo. Il futuro? Ci guardo, ma senza troppe ansie. Le domande me le farò al momento opportuno. Ora una tregua fa bene a tutti, anche se non perdiamo occasione per vederci: l’altra volta ci siamo inventate un torneo di padel, ci piace trascorrere del tempo insieme”.
E presto accadrà di nuovo su un campo da futsal. “Cosa ci auguro? Che possa venir fuori tutta la nostra vera essenza, che esca finalmente fuori tutto il bello che c’è”.

To Top