Sport

Vittoria Bianchi è l’arbitro più giovane d’Italia: ha 14 anni e 11 giorni

Ha appena 14 anni (e 11 giorni) l’arbitro più giovane d’Italia – Vittoria Bianchi, della Sezione di Città di Castello – che ha debuttato nella partita Arna conto Oratorio Don Bosco, valevole per il campionato Under 14. Non ha perso tempo, Vittoria, iscritta al primo anno del Liceo Linguistico di San Sepolcro: grazie alla nuova normativa AIA, ha potuto frequentare il corso e sostenere l’esame esattamente due giorni dopo il suo compleanno, ritrovandosi a dirigere un incontro con giocatori dei quali era poco più grande.

“Anche se in questo ambiente sono piccolina, sono io che durante la partita faccio rispettare le regole – ha raccontato sulla pagina ufficiale dell’AIA-FIGC. – E’ stato bellissimo e non vedo l’ora di tornare in campo. Sono stata accolta molto bene sia dai calciatori sia dagli allenatori, che a fine partita sono venuti a complimentarsi”.

Nessuna tradizione familiare. “Questa è una passione tutta mia. Durante gli Europei ho seguito tante partite, poi sono entrata in contatto con la Sezione di Città di Castello e ho iniziato a frequentare le lezioni del vice presidente Andrea Cravotta”.
Teoria e pratica.
“Mi alleno due volte a settimana. Il mio passato nella ginnastica artistica aiuta di sicuro. Ora mi aspetto di vivere tanti bei momenti”.

Nel frattempo, ha già iniziato a frequentare la vita associativa.
“Ho avuto modo di conoscere Francesco Peroni, il Responsabile nazionale degli osservatori del calcio a cinque, che appartiene alla mia stessa Sezione. Chi tiferò al Mondiale? Daniele Orsato e tutta la classe arbitrale italiana. Ormai – sorride – mi rendo conto che faccio molto più caso a quello che fa l’arbitro piuttosto che ai calciatori”.

 

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top