Beach Soccer

Violi nel Beach Soccer col Pavia: “Un onore giocare la Coppa nella mia terra”

Violi

Dal parquet alla sabbia con la stessa abnegazione che l’ha portata a cucirsi sul petto il primo Scudetto della Serie A di futsal e a vivere tanti altri successi. Marcella Violi, ora in forza allo Statte arrivato ad un passo dalla Final Eight, farà parte del Pavia di mister Mardente in occasione dell’imminente Coppa Italia di Cirò Marina e del successivo campionato. Circa 200 km da casa sua, a Reggio Calabria, per un ritorno al futuro che pochissimi conoscono.
“Probabilmente non lo sa nessuno – sorride – ma a dire il vero sono vice-campionessa d’Italia nel Beach soccer, grazie all’esperienza vissuta con la Pro Reggina a Ostia nel lontano agosto del 2010. Perdemmo contro il Firenze, ed ora rieccomi qua. Nonostante siano passati diversi anni, avevo voglia di vivere di nuovo questa avventura e poi non si può dire di no a mister Mardente: mi insegnerà a giocare a beach e sarà una bella esperienza da condividere con lui e col team che ha formato. Per questo ringrazio anche chi è al vertice, ossia il presidente Zadotti”.

Non si è praticamente concessa pausa, Violi, passando dalle meravigliose chiusure difensive sui migliori bomber della A, alla preparazione atletica agli ordini del Pavia.
“Sono molto felice della stagione con lo Statte. In queste vacanze ho sicuramente diminuito un po’ l’intensità, ma non ho mai smesso di allenarmi. È impossibile per me, starei male. Lavorare sulla sabbia è faticoso, è un mondo nuovo e ci tengo a farmi trovare pronta concentrandomi sulla tecnica individuale adeguata al beach soccer, ad esempio sul modo di alzare palla e calciare, alzare e passare. A livello tattico non penso ci saranno difficoltà, se non per il fatto che mi ritroverò spesso a giocare con la palla alta, quando nel futsal è l’esatto contrario. Non ho esatta idea di cosa ci aspetti – continua Marcella – lo scopriremo giorno per giorno, ma sono certa che darò tutto: sicurezza in fase difensiva, grinta, voglia di non mollare mai e resistere sempre qualcosa in più degli altri. Ho fame di vittoria e voglio dimostrarlo”.
D’altronde la Calabria è terra sua.
“Sarà davvero emozionante avere l’opportunità di giocare la Coppa in casa, accanto alle persone più care. Il dovere ci chiama, le motivazioni aumentano e l’obiettivo sarà vincere per onorarla”.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top