Serie A

FFC, Tamara Falconi: “Questo, un anno indimenticabile”

Agosto 2020 – Maggio 2021
Nello spazio temporale intercorso: un nuovo Paese, una nuova squadra, nuove compagne. Difficoltà ma anche nuove gioie, dentro e fuori dal campo.
Tutto scorre così intensamente, vissuto d’un fiato, quasi sospeso, da Tamara Falconi.

Con il suo Futsal Femminile Cagliari ha raggiunto l’obiettivo della stagione: la salvezza. “Abbiamo fatto di tutto per vincere contro il Montesilvano, non abbiamo concesso nulla, cercando di complicare la loro prestazione“. Esordisce ripensando a quell’11 aprile in terra abruzzese.

Lì, sul parquet del PalaRigopiano, si sarebbero decise le sorti di una stagione: playoff e quindi salvezza, o playout e rischio retrocessione. “A fine gara, il risultato ci vedeva sconfitte. Contro le seconde della classe. Abbiamo dovuto attendere il risultato dal campo di Bisceglie. Avevamo due possibilità dalla nostra: vincere o sperare che il Granzette perdesse o pareggiasse. Quei minuti li abbiamo trascorsi, lì, ancora in campo. Con il fiato sospeso.

Il risultato compare sugli schermi degli smartphone. Quel 4-4 che per noi voleva dire, salvezza. Abbiamo potuto così festeggiare, per un traguardo che sentiamo di aver meritato. Si, la meritavamo. Da quel giorno pieno di emozioni indescrivibili, viviamo in uno stato di felicità costante“.

Cagliari

Lo abbiamo scritto, sembra ridondante ripeterlo. Gli ostacoli vissuti dall’FFC,  avrebbero messo a dura prova anche la più micidiale delle compagini. “Siamo state una delle squadre che ha incontrato più ostacoli lungo il cammino. Non siamo stata l’unica, certo, ma la fortuna  sembrava ci avesse voltato le spalle. Siamo state più tenaci, ci siamo impegnate ancora di più per volgere quella condizione a nostro favore.

L’accanirsi delle avversità, quella sensazione di essere in un tunnel senza via di uscita. La speranza che sembra abbandonarti. Si vive quel momento nel quale le uniche due possibilità a nostra disposizione erano diametralmente opposte. Abbandonare o lottare. La decisione di lottare ha compattato il gruppo. E’ diventato un punto di svolta, sportivo ed emotivo.

L’obiettivo concreto, sostenuto dalla nostra volontà è diventato quello di portare la squadra fuori da quel pantano. Nel punto più alto possibile, con i punti ancora a disposizione. Abbiamo creduto in noi, nelle nostre qualità, nella squadra, nello staff, nella società. Abbiamo maturato, partita dopo partita, la consapevolezza di potercela fare, davvero. Potevamo raggiungere quella meta che sentivamo di meritare. Per terminare la stagione regolare, con serenità. Quella che ci siamo guadagnate”.

Tempo di un rapido bilancio dell’anno. Tamara certo non credeva di scendere in campo nel quintetto iniziale. “Giocare da titolare è stata una sorpresa. Non avrei mai creduto di giocare dal primo minuto, una importante parte della stagione, nel mio primo anno di Serie A. E’ stato molto difficile per me. Vengo da un tipo di futsal differente, con nessuna esperienza in un campionato, di questo livello. Non mi sono mai persa d’animo però, ci ho sempre messo tutta me stessa“.

Non possiamo tralasciare, il fattore anagrafico. Negli ultimi mesi abbiamo imparato a dare per scontata , la presenza di Tamara tra i pali dell’FFC. L’estremo difensore di Mendoza ha però solo 23 anni. “La strada per diventare un buon portiere è ancora molto lunga, dovrò impegnarmi molto. Focalizzare il mio impegno mentale verso il giocatore che voglio diventare. Non posso dire di essere soddisfatta, ho ancora così tanto da imparare. Quest’anno mi lascia in dote la certezza che con determinazione e impegno posso posso diventare il portiere e la persona che vorrei“.

Ora un ultimo sforzo. In campionato, le isolane si apprestano a vivere con la serenità mentale, la fase dei playoff. Appagate per il risultato voluto e raggiunto. Una sorta di premio, di  gratificazione per gli sforzi profusi durante l’anno. Per il debutto nella post season, le rossoblù incontreranno il Città di Falconara. Proprio le marchigiane fresche vincitrici della Coppa Italia.

Ci stiamo allenando bene, intensamente. Consce che dobbiamo affrontare il Falconara. La squadra che ha terminato la regular season imbattuta, con il suo primo trofeo già in bacheca. Noi siamo arrivate fin qui, con una squadra che ha mostrato caparbietà, capace nel suo massimo sforzo di rendere la vita complicata a molti avversari. Ci stiamo allenando per fare il meglio possibile, come sempre“.

Una volta terminati i playoff, per Tamarinda, come la chiamano sull’isola, sarà tempo di volare verso l’Argentina. Tornare a casa, dopo il primo anno della sua vita, trascorso oltreoceano.  “E’ il primo anno che esco dal mio Paese per giocare. Tutto nuovo. Bello, molto. Anche se ci sono stati momenti difficili.  Ne siamo sempre uscite. Questo atteggiamento, sarà una delle cose che riporterò a casa. Non dimenticherò mai quest’anno. Inoltre non posso che ringraziare le persone di questa città. Quelle che ho conosciuto.

Le compagne e le amiche che ho trovato a Cagliari. Una su tutte, Jessica Naiara. Trovarla è stato un regalo senza prezzo. Mi ha aiutata e sostenuta davvero in ogni istante. Mostrandomi che giocare da titolare o no, in una squadra non fa differenza. E’ sempre stata dalla mia parte. Permettendomi di vedere la grande giocatrice che è in campo e la magnifica persona e amica che è fuori. Questo rimarrà per sempre con me“.

Ottanta minuti e poi quello che verrà. La consapevolezza che nella sua terra, la aspettano a braccia aperte. “Tornerò a casa tra poco e finalmente rivedrò la mia famiglia e le mie amiche. Stare lontano da casa per un anno, il primo nella mia vita poi, non è stato semplice ma, pensandoci ora, è trascorso ad una velocità estrema. E’ accaduto di tutto in questa stagione, tante cose che non mi aspettavo. Arriverò a casa con tutta la voglia di ricaricare le batterie e ragionare sul futuro. Sono felice per tutto quello che ho vissuto e per tutto quello che posso ancora vivere“.

Il volo dovrà attendere ancora un po’ però. Ora è tempo di playoff.

 

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top