Serie A

Regular season conclusa: il pagellone di Leonardo Gallo

Leonardo Gallo

Regular season finita e come sempre accade alla fine di un percorso, inizia il tempo dei bilanci. Abbiamo chiesto una pagella a Leonardo Gallo, grandissimo appassionato di futsal, arrivato al rimbalzo controllato in modo del tutto atipico: passando per la danza.
“Ebbene sì – racconta – ero al saggio di danza di mia nipote che ballava con Patrizia Lauria, passata poi al futsal con la Venus Lauria di mister Sangiovanni, papà di Terry. Successivamente ho conosciuto proprio Terry, che era al Fasano, e da lì Dibiase, Naiara e tante altre giocatrici”.
Il calcio a 5 è sacro per lui. Difficilmente perde una partita, soprattutto la domenica. Ma se in contemporanea c’è la sua Inter – ammette – “allora l’occhio scappa anche lì”. Ti perdono, Leonardo.

PAGELLE Ed ecco quindi le pagelle, con la premessa che “il bello arriva adesso e quello che verrà fatto da ora in poi coronerà il sogno di tutti in un momento molto difficile per tutti”.

  • FALCONARA: 10. Le grandi aspettative sui nuovi acquisti non sono state affatto deluse: Marta e Taty sono esattamente i tasselli che mancavano ad un roster che già l’anno scorso aveva fatto bene, ma non benissimo. Il rientro di Nona dall’infortunio, poi, ha completato l’opera. QUADRATO
  • MONTESILVANO: 9. C’è sempre, è come le Feste Comandate. Avvio così così con nuovi innesti ancora da integrare, poi è riuscito a trovare le giuste misure e a raggiungere un meritato secondo posto. CERTEZZA
  • STATTE: 8. Avrebbe potuto tranquillamente arrivare secondo se non fosse stato per la panchina corta e quel piccolo incidente di percorso (il 6-0 a tavolino nella gara contro la Lazio). Acquisto di riparazione azzeccato: Valeria Schmidt ha dimostrato tutto il suo valore andando a rinforzare una rosa già forte, ma con poche rotazioni. GARANZIA
  • KICKOFF: 8. Partenza con molte difficoltà alla ricerca del gioco che predilige mister Russo e che aveva già impressionato l’anno scorso. Adesso è una macchina perfetta: ha nel quintetto una giocatrice (Vanin) che, insieme a Renatinha dello Statte, è una di quelle che può risolvere le partite anche da sola. SPETTACOLARE
  • LAZIO: 7. Alti e bassi. Ci si aspettava di più da una squadra con tanti elementi che giocano insieme già da qualche tempo. Non aver potuto schierare i nuovi innesti a causa di problemi fisici e qualche infortunio di troppo durante l’anno sono sicure attenuanti, ma i tifosi si aspettano di più dal 23 aprile in poi. MINA VAGANTE
  • BISCEGLIE: 7️. Risultati altalenanti, squadra tosta, elementi importanti come Tres Villa (gran bella sorpresa) e il super rinforzo Taina Santos. Ha raggiunto i due obiettivi principali con non poche difficoltà durante il percorso , ma ha tutte le carte in regola per mettere in difficoltà chiunque. IMPREVEDIBILE
  • CITTÀ di CAPENA: 8️. Neopromossa nella massima serie, raggiunge due obiettivi sui quali ad inizio stagione – escluse società e protagoniste – in pochi avrebbero scommesso un solo euro. Senza nulla togliere alle altre, un pizzico di merito in più va a Castagnaro, uno dei più forti portieri in circolazione, che ora però dovrà essere rimpiazzato. Un pelo dietro alle altre per quanto riguarda Final Eight e Playoff un pelino dietro, ma sempre con massimo rispetto. SORPRENDENTE
  • CAGLIARI: 9️. Testa e cuore, con tutte le difficoltà del caso (faccio riferimento ai tagli regionali e alle partenze di Mascia e Taina Santos) è riuscito nell’impresa di raggiungere la salvezza sul campo, senza passare dai playout. I playoff saranno una formalità in un’annata così complicata in cui hanno davvero gettato il cuore oltre l’ostacolo. Buon divertimento rossoblu. CORAGGIOSO
  • GRANZETTE: 7️. Una squadra duramente colpita dalla sfortuna: perdere ad inizio stagione per infortunio due pedine importanti come Pascual e Da Rocha (ora ritrovata) ha condizionato tutto il campionato. La salvezza diretta era a portata di mano, purtroppo è andata diversamente, ma avranno l’opportunità di giocarsela ai playout. Complimenti a mister Bassi, sempre “Chiara” e umile nelle interviste post partita. CORIACEO.
  • PELLETTERIE: 6️. Ha sempre ben figurato in gara, ma nei secondi tempi la differenza tecnica si è fatta sentire. Ora ha un’altra una possibilità di salvezza e la speranza è sempre l’ultima a morire: mai dare nulla per scontato perché può succedere di tutto. VOLENTEROSO

“Infine – aggiunge Leonardo – un grande in bocca al lupo per la sfida playout a Granzette e Pelletterie e un altro in bocca al lupo alle 8 che si sfideranno per i playoff scudetto. I miei pronostici sulla vincente sono già stati depositati presso la redazione di Any Given Sunday, il “notaio” li svelerà quando sarà il momento”.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top