Futsal

Lazio, Denise D’Angelo verso Falconara: “Niente passi falsi”

Denise D'Angelo

Solo due gare disputate su cinque previste nella seconda domenica di campionato. Tra le squadre a riposo forzato c’è stata anche la Lazio di mister Chilelli che, dopo aver battuto il Pelletterie ed essersi invece trovato costretto a rinviare il match col Montesilvano, si avvicina ora – salvo imprevisti – al big match contro la capolista Falconara.
“L’incertezza è ormai una costante in tutto, non soltanto in ambito calcistico – fa notare Denise D’Angeloper cui viviamo alla giornata cercando di non farci condizionare più di tanto: andiamo al campo, ci alleniamo e speriamo di poter giocare anche se, come abbiamo visto, a volte non è possibile. Se vogliamo trovare un lato positivo a tutto questo, devo dire che – a livello emotivo – è come se avessimo una spinta in più: non sai mai se quella che finirai di giocare sarà l’ultima gara per un bel po’ di tempo, quindi dai tutto quel che hai e aspetti la prossima con una voglia che forse non avevi quando davi tutto scontato”.
Energia pura che la Lazio porterà con sè sul parquet del PalaBadiali.
“Anche se a Granzette ha un po’ sofferto, sappiamo che incontreremo una squadra forte contro la quale – però – non possiamo concederci quei passi falsi che in un campionato a 10 sarebbero troppo rischiosi. Il test del Memorial Sandri potrebbe averci dato qualche indicazione tattica, ma rimane un’amichevole da 20’ contro un roster incompleto. Domenica bisognerà scendere in campo con le motivazioni giuste, perché quando lo facciamo possiamo battere chiunque”.

Proiettare queste parole nel futuro, cercando di cogliere le ambizioni dell’intero collettivo, non è affatto difficile.
“Il nostro legame con la Coppa – sorride – com’è risaputo, rimane di primaria importanza, ma vogliamo puntare forte anche nei playoff scudetto. Quando alle spalle hai una società del genere l’obiettivo è sempre il più alto possibile e vincere qui sarebbe bellissimo: sebbene io abbia avuto qualche esperienza in A2 con PMB e Virtus Ciampino, il cuore mi ha sempre riportata a casa. Prima si chiamava Real L’Acquedotto, ora Lazio, ma sempre di casa si tratta”.
E se tra le mura amiche del PalaGems, la carriera da giocatrice procede a gonfie vele, non meno importanti sono gli sviluppi in quella da allenatrice di calcio nelle categorie giovanili (pulcini e piccoli amici) del Circolo Canottieri Roma.
“Aver trasformato la mia più grande passione in lavoro è stata una bella soddisfazione. Cosa ruberei a mister Chilelli? L’aspetto motivazionale che lo caratterizza e che ci ha portate avanti anche quando forse avevamo qualcosa di meno, vedi ad esempio la Final Eight di Pescara contro l’Isolotto, persa solo di misura. Certo – continua D’Angelo – lavorando con gli under, l’ultimo DPCM non ha reso facile il compito in questo settore, ma non molliamo: non l’abbiamo fatto in quarantena, quando non si poteva uscire di casa, e non lo faremo ora che le gare sono vietate, ma almeno possiamo permetterci allenamenti individuali. L’importante è che i bambini riescano e divertirsi e a non perdere la spensieratezza che contraddistingue quest’età”.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top