eSport

eSport: la nostra squadra

L’incertezza uccide, i pensieri, i sogni, le cose che vogliamo fare e quelle che vorremmo fare.
Un limbo terribile dove s’annidano cumuli di veleno sotto forma di parole, d’immagini e perfino di suoni, di voci.
Scrivo e queste dannate lenti nuove non funzionano come m’aspettavo ed è un grosso problema, spariscono le lettere, poi riappaiono e i pensieri arrivano più lentamente dalle dita allo schermo.
Ottobre è diventata questo spazio temporale mitologico, rivalità politiche si combattono sul campo dei bisogni e della passione.
Riprenderà il futsal?
Sarà tutto come prima?

Alla prima domanda non riesco a rispondere con certezza, m’affido alla speranza ma non è che puoi costruire troppo con un base così labile. Alla seconda ho già risposto tante volte, non sarà mai più tutto come prima di questa pandemia.
È necessario adattarsi, evolversi trovare una nuova strada. Senza mezzi economici, senza aiuti istituzionali abbiamo solo due merci spendibili, due forme di denaro, il tempo e la creatività.
Già prima della pandemia sulle pagine di anygivensunday.it e su tutte, letteralmente tutte, le piattaforme social avete potuto leggere della AGS Volta League. Nei mesi questa realtà è cresciuta e proprio il Covid-19 ha dato una spinta a questa iniziativa in termini di numeri e partecipazione. Ho scoperto che tra i presidenti delle nostre squadre virtuali ci sono piloti impegnati nelle competizioni di Project Cars 2, giocatori nel circuito di Apex Legends e tanti appassionati di videogames. Alcuni di questi sono degli sport, veri e sostenibili più del futsal “reale”, quello che vede squadre fallire, presidenti sparire in una nuvola di promesse e sponsor ritirarsi alla prima “occhiata” della Guardia di Finanza.

Ho spesso raccontato su queste pagine di esport, di quel particolare modello di comunicazione e di business, con queste nuvole oscure all’orizzonte dello sport tradizionale, con sempre gli stessi vecchi soggetti impegnati a raccogliere consensi virtuali e favori reali mi sono chiesto cosa potevo fare con questo piccolo gruppo di appassionati e la piattaforma di anygivensunday.it.

FIFA 21, almeno quattro giocatori, ESL e la scalata alle classifiche della Volta League nella prossima stagione.
Con questa idea ho scritto sui due gruppi Telegram della AGS Volta League.
Non c’è al momento una piattaforma di gioco di riferimento, molto dipenderà dai giocatori che accetteranno di giocare con i nostri colori e la nostra “TAG”.
Non c’è nemmeno un euro, però noi lo diciamo subito. Come diremo ai nostri giocatori che quello che vincono nei tornei finirà tutto nelle loro tasche.
Racconterò la loro storia, come una squadra che gioca nella Serie A di Futsal, avrà le sue dirette, i video, i post social, tutto il “circo mediatico” insomma.

Perché fermarsi però solo ad una squadra di FIFA? Certo questo è il “core business” di AGS ma i videogames quelli competitivi sono anche inclusione e allora sognando di avere una squadra di LoL (League of Legends), reclutiamo anche giocatori per Black Desert Online (multipiattaforma) e Guild Wars 2 (solo PC) perché questi due titoli? Facile a questi sono anche “capace” di giocare e quindi posso essere d’aiuto nell’allenare la squadra, ma sono aperto a qualsiasi proposta, l’unica discriminante è che il titolo debba essere “competitivo”.

Siamo un Derby County qualunque, un povero Nottingham Forest però abbiamo un sogno quello di alzare la Coppa, perché vincere partendo da queste condizioni può cambiare per sempre il “gioco”, può cambiare per sempre la faccia dello sport.

Potete contattarci con messaggio privato su tutti i nostri social: Facebook, Instagram, TikTok, Twitter.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top