Futsal

Doppio tesseramento calcio a 11/calcio a 5: LND e FIGC al tavolo tecnico

Iscrizioni

A partire dal prossimo 1° luglio 2020 – salvo eventuali deroghe per lo spostamento dei termini della stagione 2020/2012 causa Covid – la FIFA farà entrare in vigore quanto stabilito dalla Circolare n.1679, imponendo a tutte le Federazioni l’adozione di un sistema elettronico unico di digitalizzazione delle informazioni per i tesserati di calcio a 11, sia nel maschile che nel femminile, sia professionisti che dilettanti. Questa sorta di “passaporto” sportivo aumenterà la trasparenza, con l’introduzione di due distinti archivi per il calcio a 11 ed il calcio a 5, attribuendo ad ogni atleta l’effettiva attività svolta nei due diversi ambiti, così come previsto dalla normativa FIFA sul contestuale tesseramento di un giocatore a favore di una società di calcio a 11 e una di futsal.

La normativa già prevista per regolamento internazionale, dovrà dunque essere recepita dalla FIGC che dovrà accogliere le disposizioni contenute nell’Allegato 7 “Regolamento sullo Status e il Trasferimento dei calciatori” della FIFA che, oltre a stabilire che un calciatore o una calciatrice possono essere tesserati, allo stesso tempo, per una Società di Calcio a 11 e una Società di Calcio a 5, anche appartenenti a Federazioni diverse, afferma inoltre recita, inoltre che gli stessi possono essere tesserati per un massimo di tre club di Calcio a 5 durante la stessa stagione sportiva, e che in tale periodo il calciatore/calciatrice può disputare partite ufficiali solo per due di tali società.

Ulteriori dettagli sull’argomento, sono stati sottolineati dal Consigliere Marco Calegari: “Al fine di compiere i dovuti approfondimenti regolamentari, la LND ha richiesto e ottenuto la costituzione di un apposito tavolo tecnico con la FIGC, con Divisione Calcio a 5 annessa. Diverse le casistiche da prendere in considerazione: ad esempio, calciatori e delle calciatrici che svolgono una sola delle due discipline sportive, quelli che potranno svolgerle contemporaneamente nel Calcio a 11 e nel Calcio a 5 in diverse società o, come più spesso accade, nella stessa società che è attiva in entrambe le discipline. In aggiunta, si dovranno regolamentare anche i casi di calciatori e calciatrici che potranno svolgere attività di una delle due discipline in Italia e dell’altra all’estero. In tal senso, appare evidente che le normative attuative dovranno prevedere degli specifici paletti per salvaguardare le importanti esigenze di organizzazione e di linea di continuità agonistica delle Società, non soltanto di quelle che in ambito dilettantistico devono sottoscrivere accordi economici con i propri tesserati e tesserate. Inoltre, si dovrà rivedere l’impianto del vigente articolo 118 delle Norme Organizzative Interne della Federcalcio che, come noto, disciplina la cosiddetta “variazione di attività” dei calciatori e delle calciatrici dilettanti, i quali possono avere un tesseramento con una Società di Calcio a 11 e di Calcio a 5, ma devono scegliere, ogni stagione sportiva, a quale delle due attività intendono prendere parte, lasciando in “quiescenza” il tesseramento con la Società che partecipa all’attività della disciplina sportiva che il tesserato intende temporaneamente sospendere”.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top