AGS Volta League

Il Verona ferma il Catania, in testa tre squadre per un posto

Quattro squadre in tre punti, il primo posto in classifica assicura un posto nella finale scudetto.
Si conclude con questa considerazione al sedicesima giornata di questa prima stagione della AGS Volta League. Mentre ci interroghiamo se questa quarantena ci costringerà ancora in casa e quindi ad una seconda stagione della Lega molto prima del previsto, ci stringiamo in un abbraccio digitale ad Alan, un lutto nella sua famiglia ha funestato un periodo già difficile.
Il suo Genova però non tradiva la sua fiducia e pareggiava 2 a 2 contro un Bologna deciso a non perdere il treno per il primo posto e che può festeggiare anche il primo gol di Manieri in stagione.  Santucci con il suo Bologna rivoluzione lo schieramento iniziale dimostrando di aver studiato bene le meccaniche del gioco. Taty come pivot e Marta sul laterale, Manieri davanti alla difesa. In realtà l’AI del gioco fa muovere la squadra come se fossero in posizione diversa e ne scaturisce una bellissima partita con un pari che forse alla fine va stretto al Bologna.

Mister Giovannini, cambia finalmente la formazione del suo Terni e si schiera con un 1-2-1 che sebbene esponga le umbra alle ripartenze avversarie garantisce alla squadra una maggiore verve offensiva. Puntuale all’appuntamento con il gol Rozo che pareggia subito il vantaggio iniziale delle ospiti con Valeria. Proprio dalla posizione larga sulla banda laterale Rozo ha potuto incrociare le sue giocate tentando di sorprendere fuori posizione
Un gol di Gayardo allo scadere assicura i tre punti all’Ancona di Coccia che ha sofferto in particolare l’apatia di Adamatti che per lunghi tratti della gara è sembrata irriconoscibile.

Il Derby del Gufo lo porta a casa il Venezia. Leonardo Gallo trova con una zampata di Mansueto il gol che è sufficiente per portare a casa il bottino pieno. Un bel Trieste però che finalmente libera la fantasia di Vanessa e Taninha sulle fasce e assedia per tutta la partita le lagunari che si arroccano letteralmente davanti al loro estremo difensore e difendono sulle barricate un risultato importantissimo.

Il Catania di Schettini arriva a Verona con il piglio della grande squadra, della capolista solitaria. Le isolane sono decise ad imporsi sul terreno del fanalino di coda Verona trascurando però l’orgoglio di Pomposelli e compagne. La romana proprio nella città scaligera sembra aver trovato la sua piazza ideale. La solita Dupuy, vera rivelazione di questa stagione porta in vantaggio il Catania ma è Ersilia D’Incecco a trovare la rete del pareggio con uno spunto personale e una conclusione perentoria a fil di palo. Pareggio che non serve a nessuno ma certamente da morale al Verona per chiudere con dignità questa stagione e pensare a programmare la prossima.

 

A reti bianche invece l’incontro tra Firenze e Torino. Margarito in giornata non è un ostacolo che è possibile superare nemmeno con il talento di giocatori come Sofia Viera. Ancora una Amparo troppo in ombra per risultare decisiva lascia il proscenio ad una Dal’Maz decisiva e devastante anche se non trova la via del gol. Una vittoria avrebbe rilanciato le ambizioni di playoff del Firenze.
Sei punti a disposizione per tutti e poi finirà così la regular season, avremo le squadre playoff e sarà tempo di pensare alla storia.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top