Sport

Grisignano, Privitera tra futsal e beach soccer: “Sì al Playa San Javier”

privitera

La voglia di tornare a casa e rivedere la sua bella Sicilia era tanta, ma non a queste condizioni. Strade vuote, città cupa e silenziosa, atmosfera surreale: Veronica Privitera del Real Grisignano fa fatica a riconoscere la sua Catania.
“Mi sembra di essere in un film, ma è la sensazione che un po’ tutti staranno provando. Come passo le giornate? Doppia seduta di allenamento, mattina e pomeriggio, e tanta TV. Da giocatrice, anche se la situazione non è rosea al momento, non vedo l’ora di poter tornare in campo e spero fortemente nella ripresa delle attività, anche se di questo passo le tempistiche andranno a sovrapporsi a quelle del beach soccer”.
Parli di calcio sulla sabbia e le brillano gli occhi, così come accade per tutte le passioni che hai coltivato sin da piccola, senza sapere che un giorno sarebbero diventate il lavoro più bello del mondo.
“Uscivo dalla cabina dello stabilimento balneare con il pallone sotto il braccio e decidevo chi far giocare – sorride. – Sono cresciuta giocando sulla sabbia”.

Nel 2016, la prima chiamata col Catania Beach Soccer ad opera di Marilena Guerreggiante, alias “Za Mara”, ex calciatrice e personaggio di spicco del catanese, cui sarebbe stato impossibile dire no. Risposta che comunque Privitera non avrebbe preso in considerazione. Un onore giocare per la squadra della sua città e poi i risultati sono stati incredibili perché raggiunge i quarti di finale nell’Euro Winners Cup (la Champions della disciplina, n.d.c.) e la finale Scudetto, persa poi con la Lady Terracina di Sara Di Fonsi, che la vuole con sé. Con la squadra laziale, il pivot mette in bacheca tre scudetti, prima del passaggio – in qualità di capitano – all’altro team della provincia di Latina, la BS Terracina di Luigi Cicuto.

SI’ AL PLAYA SAN JAVIER Anche questa si rivela un’esperienza positiva, ma Veronica decide di metterle fine per un’altra chiamata irrinunciabile: quella del Playa San Javier, le campionesse spagnole vincitrici dell’ultimo titolo europeo.
“Mi fa uno strano effetto pensare che mi rimetterò in gioco in un contesto in cui potrò confrontarmi per la prima volta con atlete che hanno sempre giocato sulla sabbia e con allenatori che lavorano solo su questo tutto l’anno. Sarà molto stimolante”.

IN ATTESA Prima di questo, però, il pensiero torna al futsal e all’attesa ripresa del campionato.
“Mi manca la continuità che avevo preso: allenamenti dal lunedì al sabato e la partita della domenica, praticamente quella che è stata la mia vita per 15 anni. Nell’ultimo periodo si era visto un Real Grisignano che aveva ingranato, grazie ad un gruppo unito in campo che aveva iniziato a conoscersi meglio. I frutti di tutto questo si sarebbero visti sicuramente contro il Noci e nelle altre gare decisive per la permanenza in serie A, ma ora – conclude Privitera – bisogna attendere per sapere come andrà a finire”.

 

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top