Serie A2

Campionato fermo e fiori d’arancio: 4 chiacchiere con Diego Iessi

Diego Iessi

Lavoro-casa, casa-lavoro, senza passare dalla tappa più amata: quella al PalaPoli per l’allenamento del suo Molfetta o per una partita, magari una di quelle adrenaliniche come il derby per la vetta col Fasano, rimasto in sospeso a causa dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus.
“Da mercoledì scorso abbiamo stoppato ogni attività – dichiara mister Diego Iessi. – Anche se non era stato ancora emesso alcun decreto, abbiamo preferito prendere le massime precauzioni possibili. Non è una situazione che ci piace, ma siamo capitati in questo dramma e ora dobbiamo salvaguardare prima di tutto le nostre ragazze e le loro famiglie”.
Al resto si penserà dal 3 aprile in poi, ma il tecnico si è già fatto un’idea personale di quel che potrebbe essere.
“Secondo me il campionato potrebbe essere finito, con una notevole perdita a livello economico. Forse ci sarà soltanto il tempo di riuscire a disputare i playoff per decretare eventuali promozioni. Ma, onestamente, a chi conviene continuare a giocare? Non al Fasano che è primo, non a chi ha la possibilità di rimanere nella categoria in cui è, senza retrocessioni. Converrebbe solo a noi, che possiamo ancora raggiungere la vetta. In ogni caso – aggiunge – l’unica cosa che ci preme è poter tornare a vivere come prima e senza paura”.
A dare un po’ di serenità all’ambiente, il profumo dei fuori d’arancio tra Ellen Castro e Arianna Pasculli, unitesi in matrimonio con rito civile proprio nella giornata di ieri.
“Siamo felicissimi di questo legame. Ci siamo adoperati in prima persona per recuperare tutta la documentazione necessaria per permettere di celebrare questo evento. I loro sorrisi ci hanno riempito di gioia, così come le parole della mamma di Arianna che ha parlato di Ellen come la seconda figlia femmina mandatale da Dio. Ah, se qualche società sta pensando a questo – scherza Iessi – ci tengo a sottolineare che la nostra giocatrici non ha preso la cittadinanza italiana… Il Molfetta ripartirà sempre dalla nostra numero 8, finché lei lo vorrà”.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top