Nazionale

Salvatore punta l’obiettivo qualificazione: “Senza fretta ma senza sosta”

Salvatore

L’Italia ritrova sul suo cammino la Spagna. Così come due anni fa, quando le Azzurre giocarono in terra iberica il Main Round di qualificazione al primo storico Europeo femminile, D’Incecco e compagne sono state inserite nel girone con le Furie Rosse. Proprio le campionesse d’Europa in carica saranno l’avversario numero uno per qualificarsi alla Final Four che assegna il titolo continentale (alle semifinali accede solo la prima di ogni girone del Main Round). Massima attenzione da prestare anche nei confronti della Svezia, nazionale ospitante del gruppo dell’Italia. A completare la composizione del girone anche la vincente del gruppo A del turno preliminare con Lituania (ospitante), Serbia, Slovacchia e Irlanda del Nord.

“In fase di sorteggio lo hanno definito il girone della morte. Mi sembra un po’ esagerato affibbiargli un nome così funesto – commenta il Ct Francesca Salvatore -. Certo, peggio non poteva andarci: oltre alla Spagna detentrice del titolo, si sa che la Svezia è un avversario di tutto rispetto. Ma nel mio pensiero questo sorteggio si tramuta in un’ennesima opportunità di crescita. Sì, perché è sulla crescita della Nazionale che si focalizza la mia attenzione”.

Un’Italia che un passo alla volta si sta ritagliando un spazio di primo piano a livello continentale: “Dal primo momento in cui ho ereditato la guida dell’Italia – continua la Salvatore -, io e il mio staff siamo sempre stati consapevoli che il cammino non sarebbe stato facile, abbiamo programmato un percorso e stiamo continuando a lavorare con tenacia e dedizione per avvicinarci a chi è più avanti di noi. È passato un anno e mezzo dalle prime qualificazioni europee, nel frattempo ci siamo misurate con tante realtà diverse: subendo sconfitte, ma anche vincendo due tornei internazionali e tutto sta contribuendo alla nostra maturazione”.

A settembre, dunque, il Main Round che si giocherà alla Gavlehovshallen di Gävle in Svezia: “Nessun vittimismo per il sorteggio, l’urna ha scelto per noi la Svezia, una squadra ancora da definire dal Preliminary Round e di nuovo la Spagna. Se dovesse capitare che l’accesso alla Final Four si deciderà di nuovo contro le campionesse in carica – come detto passa solo la prima di ogni girone del Main Round -, la voglia di riscatto ci darà quel quid in più che serve per affrontare corazzate di gran spessore. Oggi mi chiedo: come possiamo raggiungere l’obiettivo? Goethe risponderebbe: senza fretta ma senza sosta”.

Ufficio Stampa Divisione Calcio a 5

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Più Letti

To Top