Serie A

Abbattista a lavoro per il Bisceglie: “Rinnovi e acquisti per migliorarci”

Il Bisceglie Femminile sta prendendo forma e lo fa attraverso le operazioni del dirigente Nicolò Abbattista, uno dei fondatori del club dei Dolmen che ha esordito in Serie A con una salvezza ottenuta nei playout.
“Nel girone di andata abbiamo raggiunto dei risultati impensabili per una matricola, in quello di ritorno invece – racconta il nerazzurro – ci siamo un po’ rilassati e, anche a causa di qualche infortunio di troppo, abbiamo perso punti che non avremmo dovuto. Tutto sommato, però, l’obiettivo salvezza è stato raggiunto e ora cercheremo di migliorare evitando quelle défaillances che in alcuni momenti ci hanno penalizzato”.
È in quest’ottica che si lavora sul mercato, dopo il pieno di conferme che hanno interessato i punti saldi della scorsa stagione: mister Ventura, capitan Nicoletti e il terribile duo Pereira-Buzignani.
“A stretto giro arriveranno anche altri rinnovi e poi stiamo valutando dei profili che possano darci valore aggiunto soprattutto in fase offensiva, perché è lì che a volte siamo stati poco incisivi. Per il momento non possiamo ancora dire nulla, ma sicuramente ci saranno novità”.
Solo il meglio per un Bisceglie che Abbattista ha visto nascere come costola della maschile del Futsal Bisceglie.
“Nel 2015 arrivammo ad un punto dalla promozione in A2 prima di decidere di prendere altre strade e proseguire, alla fine dell’anno successivo, solo con il Bisceglie femminile: a maggio iniziammo le selezioni, a novembre il primo campionato regionale che ci diede diritto di accesso al nazionale, senza dimenticare la vittoria della Coppa Puglia e la finale di Coppa Italia persa col Pescara. L’anno successivo, in Serie A2, perdemmo i playoff contro l’Angelana e l’anno successivo – dopo la scissione dal Futsal Bisceglie – col Bisceglie femminile vincemmo il campionato di A2 sfiorando il bis con la Coppa Italia persa di misura al PalaFlorio. Insomma – chiude Abbattista – non avremo il budget delle grandi, ma siamo abituati a lottare ottimizzando ciò che abbiamo, così com’è nella filosofia della società: preferiamo dire no ad una giocatrice, piuttosto che non riuscire a mantenere gli impegni presi”.

foto: Michele Liseno

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top