Calcio

Vincolo sportivo, svolta in vista. Tommasi: “Siamo alla vigilia di un momento storico”.

vincolo sportivo
Associazione Italiana Calciatori

Regolato dall’art. 32 delle N.O.I.F. il vincolo sportivo per gli atleti non professionisti è il legame che si crea tra l’atleta stesso e la società in conseguenza del tesseramento. Questo legame vincola il calciatore o la calciatrice, che acquisisce lo status di giovane dilettante, a partire dal 14esimo anno di età, a svolgere la propria attività agonistica esclusivamente in favore del club con cui si tessera. La durata del vincolo è pluriennale e si estingue al termine del 25esimo anno di età, laddove il calciatore/calciatrice ne faccia richiesta nei tempi e nei modi opportuni.
In tale arco temporale il giocatore/giocatrice può “liberarsi” dal legame con la società di appartenenza solamente su iniziativa di quest’ultima (“svincolo per rinuncia” ’art. 107 N.O.I.F.), nel caso in cui la stessa non si iscriva al campionato di competenza della relativa prima squadra, ne venga esclusa, vi rinunci o subisca la revoca dell’affiliazione presso la F.I.G.C. (“svincolo per inattività della societàart. 110 N.O.I.F.), attraverso un espresso accordo con la società (“svincolo per accordo” art. 108 N.O.I.F.), sottoscrizione di un contratto da professionista (art. 113 N.O.I.F.); cambio di residenza (art. 111 N.O.I.F.); mancata partecipazione ad almeno quattro gare ufficiali durante la stagione sportiva (art. 109 N.O.I.F.).

Argomento molto sentito e fonte di continuo dibattito, la riforma del vincolo sportivo è una delle maggiori battaglie dell’Associazione Italiana Calciatori, riunitasi in assemblea generale lo scorso 6 maggio, ed immancabile argomento trattato dai rappresentanti del calcio femminile e i delegati regionali del Settore Dilettanti.
Sul tavolo delle dei delegati un disegno organico di riforma.

E’ stato lo stesso Presidente dell’AIC, Damiano Tommasi, ad annunciarlo: “Siamo alla vigilia di un momento storico” – ha detto il Presidente – “Sul tema del vincolo c’è la possibilità concreta di una modifica ed entro fine mese dovrebbero cambiare le norme, si dovrà stabilire la durata del vincolo che non potrà più essere 11 anni come oggi (dai 14 ai 25) ma dovrà essere migliorata. Siamo ottimisti sul fatto che quello che si andrà a decidere sarà positivo anche per le società e quindi per tutto il sistema”.

Nelle prossime settimane verrà quindi discussa a livello federale la questione del Vincolo Sportivo, questione spinosa e complessa che necessita dell’accordo di più attori su formule e modalità.
Dalle parole del presidente Tommasi pare certa però la riduzione della durata del vincolo, istituto presente, oltre che in Italia, solo in Grecia.

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top