Serie A2

Dorica Torrette, tris a domicilio alla Decima Sport

Dorica Torrette

Ci perdoneranno il gioco di parole terra terra i puristi della lingua italiana, ma dire che una Dorica Torrette decimata ha avuto ragione del Decima Sport é la fotografia puntuale del momento attuale delle ragazze di Massa.
In questo avvio del girone di ritorno, si è tornati finalmente a fare punti, seppure spesso prive di alcuni elementi importanti. Simbolo questo di quanto il carattere non faccia certo difetto a questa squadra, abituata a lottare fino all’ultimo e a portarsi a casa punti importanti sempre col coltello tra i denti.

Anche la gara con la Decima ha recitato lo stesso copione, quello di una squadra che fa fatica a chiedere le partite e che poi, spesso complice la poca lucidità mentale, compie errori che mettono a rischio vittorie meritate.

La Dorica Torrette sta dimostrando di aver finalmente trovato la propria dimensione, con una difesa attenta e chiusa a limitare i danni e la velocità di alcune giocatrici a sfruttare iniziative personali e pericolosi 1-2, senza dimenticare i precisi lanci di Pizi.

Contro la Decima le Doriche giocano bene e mantengono il pallino del gioco saldamente in mano. Non è dunque una sorpresa che al 10′ il tabellone segni uno 0-2 per le ospiti.
In entrambi i casi è Irene Donati il grimaldello: segna il primo gol con un letale diagonale sinistro e propizia il secondo scodellando una palla alta dalla fascia al centro dell’area bolognese, con Eleonora Bussaglia pronta ad infilare di testa.
Tutto bene quindi? No, perché a 2 minuti dalla fine del 1 tempo, un errore in disimpegno apre a Cassanelli la strada verso il gol dell’1-2.

Accorciare le distanze rivitalizza le padrone di casa che entrano più convinte nel secondo tempo e si fanno vedere spesso dalle parti di Pizi, complice anche un pericoloso stand by di gioco che porta le Doriche a cercare sistematicamente il proprio pivot senza provare quelle giocate in velocità, motivo del dominio espresso nella prima frazione di gioco.
Un legno per parte – davvero un peccato per il tiro di Amedano che si infrange sul palo, partito dalla propria area – e poi la zampata finale di Pereira a togliere le castagne dal fuoco e fissare il tabellone sull’1-3 ad un giro d’orologio dalla fine.

Il Colombine sarà il prossimo avversario, importante banco di prova per capire se si può davvero parlare di inversione di tendenza.

Ufficio Stampa

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top