Serie A

Ternana, cinquina al Breganze per chiudere il girone di andata

Neka Ternana

Sfida storicamente avvincente tra rossoverdi e biancorosse vicentine al Pala Di Vittorio, esordio per Lucileia che richiama gli appassionati all’appello e si vede: il colpo d’occhio del Palasport è di quelli importanti. Alla fine del riscaldamento viene premiata Juliana Bisognin come ex di lusso dai tifosi e dalla società rossoverde con tanto di fiori e maglia.

Passati i minuti di emozione parte la gara: pronti via il quintetto non vede per la prima volta in campo il Vicecapitano Eva Ortega ferma ai box per la squalifica. Neka, Vanessa, Angela, Tampa e Salinetti lo starting five. La partita sembra subito in discesa e così è: un paio di occasioni con Vanessa che spara alto poi il gol: Tampa scarica il destro addosso a Rebe, deviazione e palla in rete. Dopo neanche un minuto ancora Tampa prende iniziativa tira con Castagnaro che respinge corto, ma nulla può sul tapin di Neka. Mister D’Orto far girare il roster e Jansen sfiora il gol. Al settimo momento clou, gol a parte, Lucileia si alza dalla panchina e il pubblico inizia ad applaudire: all’entrata in campo un autentico boato avvolge la numero dieci brasiliana. Primo tempo che termina due a zero con una traversa spettacolare di Vanessa su tiro al volo.

Il secondo tempo inizia sulla falsa riga del primo e porta subito i frutti. Dopo un minuto tiro di Angela Roda altra deviazione di Rebe e tre a zero per le Ferelle. Al sesto brutto infortunio per la spagnola rossoverde: uscita avventata di Castagnaro che colpisce il volto della numero sei. Attimi di apprensione, poi l’uscita e la visita in ospedale che decreterà la rottura del setto nasale. La partita continua e arriva il gol di Vanessa: punizione dalla laterale sinistra, Tampa tocca centralmente per Vanessa che si prima calcia un piattone chirurgico all’angolino. Il Capitano corre verso la panchina e s’inchina a Lucileia che stava esulando per la bella giocata. Un gesto speciale che fa capire la grandezza delle giocatrici in questione. Poco dopo arriva il gol veneto con Rebe che stavolta prende la porta giusta su azione di portiere di movimento. La partita si conclude così con due giocate di Angeletti che sfiora il gol in duetto con Bergamotta.

Ufficio Stampa

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top