Serie A

Vieira prenota il riscatto: “Kick Off, cancelliamo la finale”

Sofia Vieira

Le ferite di 5 mesi non sono ancora del tutto rimarginate, ma per la Kick Off si avvicina un appuntamento che potrebbe definitivamente far voltare pagina: il remake della finale scudetto contro la Ternana. Di certo non basterà una sfida per riavvolgere il nastro del tempo e far cambiare casa al tricolore, vincere domenica – però – avrebbe un significato importante per Sofia Vieira e compagne.
“Vogliamo toglierci subito il pensiero di quella sconfitta e staccarci in classifica, visto che siamo a pari punti. Contro le Ferelle ricordo sempre partite difficili in cui non sai mai cosa possa accadere: le ultime volte abbiamo sempre perso, ora siamo convinte di poterci riscattare”.
Non è più la Ternana di Renatinha e per il momento non è neanche quella di Vanessa (alle prese con il recupero dopo l’intervento), per Vieira però si tratta ugualmente di una temibilissima avversaria.
“E’ una formazione che è cambiata tanto, eppure è partita molto bene. Il ko che hanno subito nell’ultimo turno? Le dimensioni del campo potrebbe averle condizionate, ho visto tanti gol su ribattuta”.
Tutt’altra storia, invece, quella che si aspetta al PalaDiVittorio.
“In casa hanno una marcia in più e questo renderà la gara ancora più difficile, ma ci stiamo preparando anche a questo”. Un messaggio rassicurante per i tifosi lontani, che arriva direttamente dalla miglior realizzatrice delle all blacks, insieme a Vanin: 9 centri a testa.
“Sta accadendo spesso di trovarmi al posto giusto nel momento giusto – minimizza l’universale con un sorriso. – Mi fa piacere e non lo nascondo, ma non è la gloria personale che cerco, altrimenti non avrei scelto un sport di squadra: i miei gol sono frutto del lavoro di tutte. Prendiamo ad esempio Nona: se guardiamo le statistiche lei non ha ancora segnato, ma è la donna assist. A me e a Vanin ha dato tanti palloni da spingere semplicemente in rete, questo è lavoro di squadra”.

KICK OFF ACADEMY – Valori immensi che Vieira porta anche tra i 35 ragazzi (maschi e femmine) della Akademy, un vivaio ormai cresciuto in maniera esponenziale e al quale partecipano come collaboratrici anche Angelica Dibiase e Teresa Sangiovanni.
“Abbiamo formato una Under 15 che partecipa ad un campionato regionale con quasi tutti 2005/2006, poi abbiamo i Pulcini che esordiranno in primavera, i Primi Calci e stiamo pensando di formare anche un quarto team”.
E dopo aver parlato di giovani, inevitabile la domanda sulla vittoria dei Giochi Olimpici da parte del suo Portogallo a Buenos Aires.
“Fifò? Si vedeva che sarebbe diventata una grande giocatrice. Ma questo risultato – precisa la lusitana – è merito soprattutto di tutta quella gente preparata che lavora dietro le quinte e della Federazione Portoghese che ha iniziato a porre anni fa le basi per un grande futuro”.

Ufficio Stampa
Foto Am/FM Sport Events & Media

Comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

To Top