SI NARRA CHE LA POESIA SIA NATA CON LO SPORT
Volley

Francesca Ferretti, la palleggiatrice della Liu-Jo Modena si racconta ad inizio stagione

ferretti1-fabio cucchetti-anygivensunday

Francesca Ferretti, classe 1984, è una delle più forti palleggiatrici della nostra serie A1 femminile. In forza alla Liu-Jo Modena è stata vincitrice di 5 scudetti e 4 Supercoppe. Ha appena vinto l’incontro con la SAB Legnano che ha portato la squadra a 11 punti in classifica. Avevamo raggiunto la palleggiatrice dopo l’incontro con la UYBA di Busto Arsizio.

  1. Francesca, un inizio di stagione che ancora non vede il sestetto rendere al 100%. Cosa, a tuo avviso, dovete limare per girare le partite a vostro favore?

Questo campionato e’ di un livello davvero altissimo,e nella prima giornata abbiamo incontrato la squadra che per ora pare essere quella più in forma del momento, Scandicci, subendo una pesante sconfitta sopratutto morale. Il nostro gioco non è ancora fluido e ci manca qualcosa di più in attacco per arrivare alle altre, a mio avviso .

  1. La partita con la Unet Yamamay di Busto Arsizio è stata tiratissima. Qualche rammarico in particolare?

Nessun rammarico perché abbiamo incontrato una squadra che ha dato l’anima in ogni fondamentale e ci ha messo in grande difficoltà, quindi due punti guadagnati.

  1. Sei la giocatrice con più esperienza. Come ti senti con questa responsabilità addosso alla tua quarta stagione a Modena?

Di giocatrici con esperienza ce ne sono tante, non sento particolare responsabilità, anzi, mi sento sempre come una ragazzina.

Ferretti

  1. Una Reggiana a Modena. Connubio o rivalità?

Assolutamente connubio. Non ho mai sentito rivalità tra Reggio e Modena, anzi fin da piccola andavo al PalaPanini con mio papà a seguire l’ allora Daytona e il Volley Modena; in più a Modena ho instaurato tantissime amicizie nel corso degli anni.

  1. A settembre sei stata premiata come miglior atleta reggiana. Un onore ma anche una responsabilità?

Un onore a dire il vero.. non la sento come una responsabilità, perché sono stata premiata per il mio lavoro che è anche la cosa che amo di più.

  1. La figura femminile nello sport sta riscuotendo sempre più successo. Solo qualche giorno fa è arrivata la nomina di Arianna Fontana quale portabandiera alle prossime Olimpiadi Invernali. Cosa ne pensi?

Mi fa piacere e penso che sia giusto così. Sempre più donne italiane hanno portato successi a casa Italia in questi ultimi anni, basti pensare alla Pellegrini, la Cagnotto, Bebe Vio e via dicendo, quindi trovo questa nomina pertinente e meritata.

  1. La scuola fatica ancora molto ad accettare chi si impegna nello sport e manchiamo di una cultura dell’educazione motoria nelle scuole primarie. Cosa ne pensi?

Ho subito sulla mia pelle il fatto di essere sportiva in un contesto scolastico che non capiva i miei impegni, orari, spostamenti ecc.. Ho sempre ammirato il modello scolastico americano dove lo studente sportivo o comunque con altri interessi al di fuori della scuola viene premiato e agevolato con borse di studio e crediti extra. Dovremmo prendere esempio da loro.

Ferretti

Ferretti

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Più Letti

To Top