SI NARRA CHE LA POESIA SIA NATA CON LO SPORT
Diario di Bordo Pedana

Interregionale GPG 2017 – Veni, vidi, vici

interregionale

Rieccoci a parlare di scherma su queste pagine. Era passato un po’, in effetti, proprio perché nell’ultimo periodo ho dovuto rinunciare alle trasferte e alle gare. Non ho smesso di calcare le pedane in allenamento, non riuscirei a farlo ma, a malincuore, avevo messo in pausa la mia partecipazione alle competizioni esterne.

E mi era mancato, accidenti se mi era mancato!
Domenica mattina ho avuto l’occasione di rivivere le emozioni relative alle mie trasferte a bordo pedana, da cui continuo a seguire e sostenere gli atleti della Teate Scherma A.S.D.
L’occasione è stata la Seconda Prova Interregionale GPG, che ha visto sfidarsi atleti under 14 provenienti dalle regioni delle Marche e dell’Abruzzo.

Si è trattato, nello specifico, di una gara più che sospirata: prevista inizialmente per l’8 gennaio a Bracciano, la competizione non aveva potuto svolgersi a causa dell’ondata di gelo e intense nevicate che ha assalito il centro Italia proprio in quel periodo. Inutile, quindi, rimarcare con quanta attesa e con quanta grinta i miei allievi dell’Onda Verde attendessero questa giornata.

La compagine Teate Scherma si è presentata nutrita alla manifestazione (ben sette, infatti, i ragazzi portacolori della società) e più che agguerrita. Come sempre, i nostri iscritti erano impegnati nelle gare relative alla specialità della Spada, arma che da sempre rappresenta il fiore all’occhiello per il nostro Circolo. Per questa volta, contrariamente a quanto accade di solito, i nostri rappresentanti erano tutti maschi, suddivisi nelle categorie Maschietti, Giovanissimi e Ragazzi/Allievi.

In realtà me lo aspettavo, ma per me è stato vivificante respirare nuovamente l’aria della gara: la sveglia all’alba, i chilometri macinati in autostrada, la colazione in autogrill, l’atmosfera elettrica dell’arrivo nel palazzetto, l’emozione dei giovani allievi. E la responsabilità ed il coinvolgimento che si sente mentre ci si trova a bordo pedana. Tutto questo mi era mancato moltissimo.

Al di là del revival di emozioni, comunque, la gara non è stata certo avara di soddisfazioni, né per i 7 moschettieri Teate Scherma né tantomeno per noi Maestri appollaiati a bordo pedana. Chiamati a scendere in pedana nella regione-tempio della scherma italiana, infatti, i nostri atleti non solo non si sono sentiti affatto intimoriti, ma hanno anche saputo dare il meglio di sé. Tutti, infatti, sono stati capaci di guadagnarsi il podio, chi su un gradino più basso chi su quello più alto, dimostrando ciascuno il proprio valore e la propria determinazione.

Nella categoria Maschietti, quella dei più giovani (i nati nell’anno 2006), Leonardo, alla sua prima gara è salito sul settimo gradino del podio, conquistando la prima medaglia in carriera. Giuseppe, invece, che proveniva da un ottavo posto conquistato ad ottobre ad Ariccia, ha messo a frutto gli allenamenti, classificandosi secondo.

Successi anche nella categoria Giovanissimi (classe 2005). Anche qui c’era un esordiente, Paolo, che ha conquistato comunque un soddisfacente terzo posto. Simone, già abituato in precedenti occasioni a salire sul podio, ha coronato il sogno di salire sul gradino più alto del podio, aggiudicandosi anche il titolo di categoria. Non certo un punto d’arrivo, per lui, ma una soddisfazione enorme.

Infine, nella categoria unificata Ragazzi/Allievi (classi 2004 e 2003), Giorgio ha conquistato un quinto posto, sconfitto dal compagno di squadra (ed esordiente) Alessio, classificatosi alla fine secondo. Terzo posto per Riccardo, a dimostrazione della costanza del percorso che sta seguendo.

Emozione e soddisfazione anche per noi a bordo pedana, ovviamente. L’Onda Verde sta crescendo e non ha certo intenzione di fermarsi.

 

 

 

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Più Letti

To Top